COLORE E CULTURA

Il colore è sempre stato fondamentale nella vita dell’uomo, come simbolo nei rituali religiosi e nelle manifestazioni di potere, ed è stato usato da sempre anche come aiuto nel ritrovare un equilibrio psicofisico, quindi per migliorare la salute e benessere.

La medicina cinese ad esempio è fondata sui cinque elementi che sono correlati a cinque colori:
Fuoco - Rosso - Sangue

Legno - Verde - Fegato

Terra - Giallo - Milza

Metallo - Bianco - Polmoni

Acqua - Nero - Reni

Mentre Ippocrate, il padre della medicina basava il suo insegnamento su quattro elementi e quattro colori:
Sangue rosso

Bile  gialla
Flegma bianco

Bile Nera

 

Nella mia esperienza di studio e sperimentazione del colore in diversi ambiti, ho notato che non solo il colore stesso, ma anche le sue minime sfumature ci influenzano fortemente a livello psicologico-emozionale, e di conseguenza, essendo noi un’unità, anche a livello fisico. Se ci rilassiamo senz’altro stiamo meglio, se viviamo una vita di stress, chiaramente dopo un po’, questo andrà a manifestarsi nel nostro corpo fisico.

Quindi poniamo attenzione ai colori di cui ci vestiamo, ai colori degli ambienti in cui viviamo, ai colori dei cibi che ingeriamo e ancora, se per esempio stiamo vivendo un inverno grigio senza fine, impariamo ad integrare con un bel pomander giallo che ci restituisca il sorriso.

 

 



Il valore del colore nell’indagine della psiche è stato confermato in Italia dal Ministero degli Interni e dalla Marina Militare, che utilizzano, vista la sua utilità come test d’accesso, il Test del colore di Lüscher. Lo stesso è ampliamente utilizzato anche in ambito aziendale, clinico ed educativo.

Infatti è proprio dall’attenzione data dalla psicoanalisi alle associazioni tra colori e salute psicofisica, che nel ‘900 la cromoterapia fiorisce come metodo per recuperare il Ben-Essere.

Man mano che la consapevolezza si espande siamo più attenti a cosa ci fa bene oppure no, allora ad esempio la Bio-Architettura comincia a prendersi cura dell’effetto dei colori usati per l’interior design, consigliandoti delle pareti sui toni dell’arancio laddove debba esservi convivialità, giallo per potenziare l’attenzione, azzurro o viola per indurre rilassamento, e via così…Anche i luoghi pubblici, ad esempio gli ospedali, usano il bianco che ispira pulizia, asetticità, disintossicazione, o il verde che crea spazio per accogliere la vita così com’è, che ti riporta al cuore, capace di farti rilassare anche in situazioni particolarmente stressanti o dolorose.

 

Ormai è di dominio pubblico l’effetto del colore perchè possiamo sperimentarlo con estrema semplicità recandoci ad esempio in una spa, dove troveremo aree relax con luci cangianti o docce emozionali che ci irrorano anche di diversi colori, piscine cromoterapiche ecc…

Ho lavorato per decine d’anni nella moda e mi ha sempre affascinata come il colore sia espressione d’arte, basta una piccola sfumatura dello stesso colore a renderlo più o meno bello, a dare un’emozione piuttosto che un’altra. Ricordo che una delle aziende più importanti di quelle con le quali collaboravo, aveva un team apposito di studio del colore, che realizzava le tinte esatte che sarebbero poi state usate nella nuova collezione.
E in effetti la particolare buona riuscita di un colore, spesso ha contraddistinto il successo di uno stilista; basta pensare a Valentino e al suo famosissimo Rosso Valentino appunto.
Il colore, in un caso come questo, diventa una vera e propria icona, che ha bilanciato con precisione deliziosa, e radicato, l’algida eleganza proposta dallo stilista, aggiungendovi passione, forza, sensualità e vita  reale.

Tutta questa attenzione al colore è data proprio perchè lo stesso è uno strumento preciso di comunicazione, espressione, attrazione e persuasione. Arriva dritto, prima ancora della forma, suscitando emozione e questo è proprio ciò che una buona campagna pubblicitaria deve saper fare. Così il colore è spesso usato come polo d’attrazione per promuovere ciò che si vuole vendere.

I colori ben utilizzati nella moda riescono a creare forti suggestioni, riescono a creare dei personaggi. Indossando proprio quel colore riesci ad essere chi hai sempre voluto, puoi sentirti importante come quella star, sicuro di te (giallo), romantico (rosa) o sexy (rosso), candida (bianco) o misteriosa (viola). Puoi indurre gli altri a fidarsi di te, indossando un abito o una cravatta blu o a pensare che tu sia forte e incisivo, indossando il rosso. Insomma il colore non solo crea un’immagine veritiera o no, ti aiuta anche ad esprimere te stesso mostrando le tue sfumature abituali o quelle più nascoste. Ecco perchè spesso ci si veste di nero: evitando di indossare un colore in particolare, non ci si espone.

Immagina come sono importanti i colori di moda, spesso un determinato colore caratterizza un’intera stagione o più, diventa un trend irrinunciabile, portando le sue frequenze all’apice, in quel periodo. Sarebbe interessante farne uno studio per comprenderne gli effetti reali sul collettivo.

Il linguaggio del colore è ormai conosciuto, studiato ed usato in tutte le forme di comunicazione, anche in quelle manipolatorie, è quindi importante conoscerlo anche per essere consapevoli delle varie pressioni subite a livello inconscio.
Conoscere il linguaggio del colore aumenta la tua consapevolezza e di conseguenza tutela la libertà dell’Essere.

  • Black Facebook Icon
  • Black Twitter Icon
  • Black Instagram Icon
  • YouTube Icona sociale

© 2018 Life Power di Pietro Carlo Leali - Tutti i diritti riservati  |  Tel. 335.248663  |  P.IVA 03974170981